VI domenica di Pasqua

Il termine “Paraclito” merita qualche considerazione. Non è una parola che si ritrova nella Bibbia, neanche i LXX che hanno tradotto in greco l’AT l’hanno mai usata. Solamente Giovanni la usa, quattro volte nel suo vangelo e una volta in una sua lettera. Dunque, non è un termine che deriva dalla religione ebraica, ma è un termine molto usato nel mondo greco antico e contemporaneo a Gesù. … Continua

V Domenica di Pasqua

Il Vangelo di oggi ci presenta la preghiera di Gesù. Sono rare le pagine dove è possibile sapere come e cosa Gesù pregasse. Molto spesso nei Vangeli c’è scritto che Gesù “andò in un luogo deserto a pregare” e tuttavia, poi, non viene specificato come pregasse. I discepoli stessi colgono l’esigenza di chiedergli come pregare, e da questa domanda nasce il “Padre nostro”. Nel Vangelo di Giovanni … Continua

III domenica di Quaresima

Due particolari mi colpisco di questo Vangelo. Il primo riguarda il fatto che il Vangelo comincia con delle riflessioni molti elevate, quasi teologiche, sulla verità e sulla libertà e termina in modo invece molto “basso” con il tentativo di lapidare Gesù. Come può accadere che delle questioni così alte possano generare tanta violenza? Forse perché ciò che noi oggi vediamo come una semplice riflessione speculativa (essere liberi … Continua

I domenica di Quaresima

Pensando all’inizio di questa Quaresima non posso non ricordare l’inizio di quella dell’anno scorso. Eravamo nei primi giorni del primo lookdown. Le prime Messe sospese che non si potevano più celebrare comunitariamente. Prevaleva lo stupore e lo spaesamento per qualcosa di nuovo, improvviso e drammatico che ci stava accadendo. Ci stupiva il silenzio delle strade, squarciato dalle sirene ripetute delle ambulanze e l’apprensione per molti malati, improvvisamente … Continua

Ultima domenica dopo l’Epifania

Non è un vangelo facile. Vorrei mettere in luce alcune difficoltà che rischiano di essere dimenticate.La prima riguarda il fatto che noi, quando leggere questa parabola, abbiamo già in mente come va a finire. Sappiamo già dal Vangelo chi sono i farisei: gente falsa, che ama farsi vedere e che cerca di trarre in inganno Gesù.Tuttavia, se partiamo da questo nostro pregiudizio, perdiamo credo grand parte del … Continua

Penultima domenica dopo l’Epifania

Qualche tempo fa discutevo con i miei studenti di una questione di etica sociale. Provavo, provocatoriamente, a chiedergli se secondo loro era giusto pagare le cure mediche a quelle persone che si erano procurate un danno sbagliando. Ad esempio: è giusto pagare l’ambulanza e l’ospedale ha chi fa un incidente e si fa male perché gira senza casco o va a 200 km/h? Oppure, è giusto pagare … Continua

Santa Famiglia

Il Vangelo di oggi è così denso di significati che molti si sono posti la domanda se sia stato mai un evento davvero accaduto, ovvero si Luca stia raccontando un fatto storico, oppure se non si tratti di un racconto il cui scopo è di spiegare o anticipare alcuni temi che poi svilupperà il vangelo (tecnicamente un midrash). Tralasciando la questione sulla storicità, è importante notare il … Continua

III domenica dopo l’Epifania

Faccio due considerazioni sulle letture di oggi. La prima è che il Vangelo come la prima lettura parte da una situazione di delusione e sconforto. Gli israeliti sono rimasti senza cibo nel deserto e rimpiangono le cipolle d’Egitto. Ma anche Gesù vive un momento di delusione: era appena stato a Nazareth dove i suoi abitanti l’avevano male accolto e non credevano in lui. Anche Erode si fa … Continua

II domenica dopo l’Epifania

Il vangelo di Giovanni racconta un inizio dell’attività pubblica di Gesù che è in qualche modo meno narrativo e più simbolico rispetto ai vangeli sinottici. Non sono gli eventi delle tentazioni e del battesimo a segnare il vero inizio della predicazione, ma il “segno” o “miracolo” di Cana. Ci sono infatti come due libri in questo Vangelo di Giovanni: un libro dei segni, dove Giovanni sceglie degli … Continua

Battesimo del Signore

Il Vangelo di oggi ci riporta agli inizi della vita pubblica di Gesù. Il gesto che Gesù riceve in questo inizio è quello del Battesimo, ma un Battesimo diverso da quello degli altri, un battesimo non solo in acqua ma in Spirito. Segno di questa diversità è la voce che dice “tu sei il Figlio amato”. All’inizio del ministero c’è un gesto che fa sentire Cristo il … Continua